Nel percorso museale la saletta dell'arte sacra rappresenta un'appropriata introduzione alla cappella domestica.
Il piccolo vano, in origine corridoio di passaggio verso la foresteria del palazzo - oggi enucleata dalla sede del Museo -, nel 1983 fu predisposto per ospitare alcuni oggetti d'arte sacra presenti tra gli arredi di casa Miniscalchi-Erizzo.



Raccolta di Agnus Dei da Pio V (1566-1572)
a Benedetto XIII (1721-1724).

 

Si segnalano le diciotto placchette in avorio, incise a bulino, di area lombarda, databili entro la metà del sec. XV: rappresentano parte della decorazione di un piccolo tabernacolo di cui è impossibile ricostruire con esattezza forma, dimensioni, numero originario delle placchette applicate e loro disposizione.
Inoltre è presente nella saletta la singolare raccolta di Agnus Dei in cera, cronologicamente ordinati da Pio V (1566-1572) a Benedetto XIII (1721-1724), appartenuta al canonico Orazio Moscardo.



Placchette in avorio, San Paolo e San Giovanni Evangelista.

 

 





















 

 


© 2001 Copyright Fondazione Museo Miniscalchi Erizzo